fbpx
ATTENZIONE!
Il nostro e-commerce va in ferie da mercoledì 03 agosto e riapre venerdì 19 agosto!
Buone vacanze bellezze!
Divertitevi e rilassatevi, ci vediamo prestissimo con tante novità
Vi vogliamo bene!

 11,00

Il piglio, lo slancio, la spavalderia di Goliarda bambina: la «carusa tosta» che è diventata un personaggio indimenticabile della letteratura del Novecento

Può una bambina – lasciata interi pomeriggi nel ventre sicuro di un cinematografo – arrivare a identificarsi totalmente con Jean Gabin? Sì, se quella bambina è Goliarda Sapienza. L’attore simbolo di un certo modo di stare al mondo, l’icona anarchica del cinema francese, le calza a pennello. Goliarda bambina, non appena esce dal Cinema Mirone, è Jean Gabin, e scorrazza per i vicoli di Catania traboccanti di vita e di malaffare come Jean per quelli di Algeri. Incontra prostitute filosofe, pupari, la vita pullulante della Civita in tutte le sue forme, comprese quelle magmatiche dei “corpi lunghi di draghi neri scolpiti nella lava sotto i balconi”. E quando rientra a casa, trova un’altra forma di vita altrettanto disordinata e imprendibile: quella della sua famiglia senza fine. Un padre avvocato “amato dai poveri e odiato dai fascisti, ma da tutti rispettato e temuto”; una madre socialista impegnata durante il Ventennio a trasformare il suo appartamento catanese in un focolaio di resistenza e di controcultura; una tribù di fratelli acquisiti, ognuno intento a seguire i suoi sogni, contagiosamente. “Io, Jean Gabin” racconta tutto questo raccontando un pugno di giorni. Un tassello della “autobiografia della contraddizioni” dell’autrice. Un romanzo postumo e assolutamente inedito in cui c’è la stessa energia stilistica dell'”Arte della gioia”.

Informazioni aggiuntive

Titolo

Io, jean gabin

Autore

Sapienza Goliarda

Editore

Einaudi

Anno

2018

Genere

Narrativa Italiana

Macrocategoria

Caos della vita moderna

Categoria

Pasticche di combattivita’ per anarchici

ISBN

9788806239077