fbpx

Di che cosa parliamo quando parliamo di libri

 16,00

Perché tante persone amano la carta e disprezzano gli e-book? Come mai i cosiddetti “lettori forti” affollano i festival, dove in meno di un’ora gli scrittori sono costretti a riassumere il loro libro? E perché gli scrittori sembrano così entusiasti all’idea di prestarsi a questa banalizzazione pubblica? Esiste la possibilità di dare un giudizio critico obiettivo, a prescindere da chi siamo e da dove veniamo? Il copyright è davvero un diritto intoccabile? E la traduzione è un processo neutro o una rielaborazione che stravolge sempre l’originale? In fin dei conti, poi: qual è il vero motivo per cui scriviamo libri? Per quale motivo li leggiamo? Porsi domande, sollevare obiezioni, è il modo in cui Tim Parks scardina le più quiete sicurezze del mondo letterario. Quelle sicurezze che condividiamo un po’ tutti, che ci fanno sentire parte di una comunità nobile e salda: la comunità di chi ama leggere, scrivere, parlare di letteratura. Proprio a noi amanti dei libri si rivolge Parks: ironico, provocatorio e controcorrente, affronta i problemi ponendosi spesso in una posizione assolutamente inaspettata, ripartendo dalle basi, da quelle domande che paiono innocue, e che invece non lo sono affatto. Così, seguendo i brevi e densi capitoli di questo saggio, inizieremo a chiederci perché continuiamo a dare tanta importanza alle scelte degli anziani giurati del Nobel, o per quale motivo dobbiamo tutti quanti parlare degli stessi libri, affannandoci a leggere Jonathan Franzen, Haruki Murakami o qualsiasi altro imprescindibile autore del momento. In questo mondo sempre più interconnesso, anche la letteratura si ostina a pensarsi solo secondo una vocazione superficialmente internazionale: più che alla realtà locale o nazionale si mira all’esportabilità, alla traducibilità, in una rincorsa all’universale che rischia di produrre opere omogeneizzate, progressiste e rassicuranti, buone soltanto come argomento di conversazione. Forse, allora, chiedersi Di che cosa parliamo quando parliamo di libri è il primo passo per uscire da questa palude.«Per chi non sopporta più i luoghi comuni sulla letteratura, questo libro è una piacevole boccata d’aria fresca.» – The New York Times«Un caso raro: un libro sulla lettura che ti fa solo venire voglia di leggere di più.» – The Observer«Intelligente, illuminante e provocatorio nella migliore accezione possibile.» – The Independent«Un libro che aspettavamo da tempo: stimola e appassiona.» – The Herald«In uno scenario in continuo mutamento, Tim Parks esplora gli effetti, negativi e positivi, che le trasformazioni nel mondo del libro hanno sulle nostre abitudini di lettori.» – Publishers Weekly

Esaurito

COD: 9788851134013 Categorie: ,

Informazioni aggiuntive

Titolo

Di che cosa parliamo quando parliamo di libri. con e-book

Autore

Parks Tim

Editore

UTET

Anno

2015

Genere

Saggistica

Macrocategoria

Dipendenza da Libri

Categoria

Compresse di consigli per dipendenza da libri

ISBN

9788851134013

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.