IL PROFILO

L’Enneatipo Tre è disposto a compiere enormi sacrifici per raggiungere i suoi obiettivi. Sa esattamente cosa vuole e come ottenerlo. Una volta fissato un obiettivo, diventa determinato a raggiungerlo in ogni contesto. Se decide di diventare avvocato, lo sarà in qualsiasi situazione, e lo stesso vale nel caso in cui aspiri a diventare medico; se desidera essere un modello di moglie non esiterà a dimostrare i suoi risultati.

Questa personalità è fortemente legata all’immagine e alla ricerca di approvazione. Un Tre potrebbe ricordare un’infanzia simile a quella vista nei film, dove il bambino cerca l’attenzione del padre attraverso il successo nello sport. Sa che deve eccellere per ottenere l’approvazione e diventare un campione.

Il desiderio di successo e di diventare una figura di spicco lo spinge a impegnarsi anima e corpo.

Il Tipo Tre identifica i contesti in cui vuole eccellere, che siano sportivi, lavorativi o altro, e si impegna al massimo per diventare un modello in quel campo.

La giornata di un Tre è rigidamente organizzata, con poco tempo libero e la maggior parte delle energie dedicate al lavoro o a qualcosa che lo sostituisca. Non è raro trovarlo ancora pieno di iniziativa anche in età avanzata, poiché identifica sé stesso con il suo ruolo professionale. Il lavoro diventa una sorta di droga per lui.

Per un Tre, mantenere il suo ruolo professionale è fondamentale per la sua identità. Perciò, il fallimento non è mai accettato come tale, ma viene reinterpretato in chiave positiva per evitare il disprezzo altrui. Questo approccio all’efficienza si estende anche alla sfera emotiva. Pur considerando importanti i sentimenti, ciò che conta di più è che la relazione funzioni.

LE TRIADI

Gli Enneatipi sono raggruppati in triadi. Ogni triade risponde a una differente domanda e mette in relazione tre Enneatipi.

COME MI POSIZIONO RISPETTO AL MONDO?

TRIADE DELL’ATTACCAMENTO (TRE, SEI, NOVE)

Questi tre tipi di personalità sono noti per la loro straordinaria capacità di adattamento al mondo che li circonda, e spesso si vantano di questa loro caratteristica. Per loro, il mondo, con la sua famiglia, il contesto sociale e altro ancora, è considerato “normale”, e di conseguenza si sforzano di conformarsi ad esso senza porre troppe domande. Sono i meno inclini a interrogarsi se l’ambiente circostante sia veramente adatto a loro. La loro identità è strettamente legata a ciò che li circonda, e di conseguenza trovano difficoltà nell’avviare un processo di trasformazione personale autentica.

Per un Tipo Tre, l’adattamento significa abbracciare gli ideali e i valori del gruppo di riferimento e cercare di esprimerli al massimo delle proprie capacità. L’approvazione degli altri diventa il fondamento della loro identità, e si concentrano sull’ottenere risultati che corrispondano a questo ideale piuttosto che perseguire la propria realizzazione personale. Solitamente, la possibilità di una vera trasformazione si manifesta solo dopo un significativo fallimento.

COME MI RELAZIONO AGLI ALTRI?

ASSERTIVI (TRE, SETTE, OTTO)

Le tipologie assertive trovano la loro identificazione nell’Es, una sorta di tumulto di desideri che risiedono nell’inconscio. La ferita primordiale per queste personalità risiede nell’amore: considerano l’attacco come la migliore forma di difesa e tendono ad agire in opposizione agli altri.

Queste personalità assumono un atteggiamento dominante, spesso esigendo e pretendendo. Per loro, ciò che conta è ciò che accade grazie alle loro iniziative, valutando il proprio valore in base all’influenza che riescono ad esercitare sugli altri.


Il Tipo Tre, sebbene dipenda molto dall’approvazione altrui, mostra comunque una forte assertività, anche se in modo più indiretto. Pur non cercando necessariamente di attirare l’attenzione su di sé, desidera comunque essere riconosciuto per i suoi successi. “Valgo quando i miei risultati parlano per me”.

Queste personalità dovrebbero imparare a considerare le conseguenze delle proprie azioni sugli altri e a comprendere che gli altri non esistono solo in relazione a loro stesse.

COME AFFRONTO I PROBLEMI?

TRIADE DELLA COMPETENZA (UNO, TRE, CINQUE)

Queste personalità sono orientate a risolvere i problemi in modo logico e pratico. Di fronte alle difficoltà, tendono a mettere da parte le emozioni e ad affrontare le questioni con obiettività e imparzialità. Per loro, il problema diventa un ostacolo da superare senza coinvolgere la sfera emotiva e soggettiva, considerata più un impedimento che un aiuto. Il Tipo Tre valorizza l’efficienza sopra ogni altra cosa. È determinato a risolvere i problemi senza compromettere la propria immagine. Pur preferendo seguire schemi predefiniti, è pronto a infrangerli se ciò significa raggiungere l’obiettivo desiderato. Per lui, raggiungere il successo è fondamentale per mantenere una certa immagine positiva e per sopprimere le emozioni negative.Queste personalità tendono a separare il problema dalla componente emotiva, considerando le emozioni come un ulteriore ostacolo. Tuttavia, spesso non si rendono conto che le emozioni possono essere parte integrante della soluzione. Aprirsi agli altri emotivamente può portare supporto, comprensione e gioia. È importante non reprimere le emozioni, ma riconoscerle e capire il loro messaggio, poiché possono indicare la strada migliore per affrontare un problema in modo umano e favorevole al benessere personale e degli altri.

Ecco dieci percorsi di trasformazione pensati appositamente per i Tipi Tre:

  • Dedicate del tempo al silenzio e alla meditazione, poiché, data la vostra valorizzazione dell’attività e della produttività, è particolarmente essenziale per voi trovare momenti di calma e riflessione interiore.
  • Esplorate il vostro vero sé e intraprendete il viaggio per riscoprire la vostra autenticità. Questo percorso può essere difficile da affrontare da soli, quindi cercate sostegno e compagnia lungo il cammino.
  • Mettete in discussione le convenzioni standard di successo e create una nuova definizione basata sui vostri sentimenti, desideri e valori personali, anziché su quelli imposti dalla società, dalla famiglia o dalla cultura.
  • Riconoscete che il successo materiale e l’autenticità non sono mutuamente esclusivi. Il vero successo si realizza quando viene attribuito al vostro vero sé.
  • Riflettete su ciò che avete sacrificato nella vostra corsa frenetica verso il successo, che possa essere la vostra relazione con il coniuge, i vostri figli, la salute o le amicizie.
  • Concedetevi una vacanza e lasciate il lavoro alle spalle. È importante staccare la spina e ricaricare le energie.
  • Resistete alla tentazione di dominare o di essere sempre al centro dell’attenzione. Cercate invece di essere un membro collaborativo di una squadra, aiutando gli altri a brillare e a raggiungere il successo.
  • Coltivate almeno un’amicizia autentica e profonda in cui possiate essere vulnerabili e veri. Potreste avere molti amici, ma è fondamentale avere qualcuno che vi ami anche quando non state proiettando un’immagine di successo.
  • Esplorate il vostro vero sé e intraprendete il viaggio per riscoprire la vostra autenticità. Questo percorso può essere difficile da affrontare da soli, quindi cercate sostegno e compagnia lungo il cammino.

10. Impegnatevi a coltivare la vostra autenticità in tutte le sfere della vostra vita, sia personale che professionale. Siate veri con voi stessi e con gli altri, e troverete una nuova profondità e soddisfazione nel vostro essere.

Scaffali consigliati: Ricerca dei propri obiettivi, Esprimere la propria opinione